Logo Università degli Studi di Milano



 
 
Notizie  

La centralità dei margini. L’articolazione multietnica nella Repubblica Popolare Cinese - R. Malighetti (Università degli Studi di Milano-Bicocca)

malighetti

Utilizzando una prospettiva antropologica, trasversale e comparativa, la conferenza invita a riflettere sulle specifiche dinamiche con cui la Cina ha storicamente configurato, e continua a ripensare in termini originali, la propria realtà etnicamente complessa e variegata, in alternativa al modello europeo dello Stato-Nazione, alla dicotomia maggioranza-minoranza, alle politiche multiculturaliste.

Martedì 13 dicembre, ore 16.30 Polo MIC, Piazza Montanelli 1, Sesto San Giovanni - Aula T10

Roberto Malighetti è professore ordinario di antropologia culturale all'Università di Milano-Bicocca, dove ha inaugurato e occupa la prima cattedra in Italia di Antropologia della Cina e insegna Metodologia della ricerca antropologica. In Bicocca ha ricoperto diversi ruoli amministrativi fra cui l’inaugurazione e direzione (per 12 anni) del corso di Laurea Specialistica e poi Magistrale in Scienze Antropologiche ed Etnologiche; la direzione del Dottorato in Antropologia della Contemporaneità; è stato delegato del Rettore per i rapporti con la Repubblica Popolare Cinese e membro di varie commissioni. Ha svolto un’intensa attività di ricerca sul campo, soprattutto nel Nord del Brasile e in Amazzonia, dove ha lavorato per più di vent’anni anni sulle culture (identità, religione, medicina) afro-brasiliane e indigene, sulla cooperazione internazionale, sulle forme di marginalizzazione sociale (due suoi libri sono stati tradotti in Portoghese dalla casa editrice del Senato Federale e dall’Università di Bahia). Dal 2012 concentra i propri interessi teorici ed etnografici nella Repubblica Popolare Cinese, studiando i contributi dell'antropologia cinese (vd libro 2014) e le forme del pluralismo religioso, medico ed etnico. È visiting professor all’Università delle Minoranze Etniche (Minzu University of China) di Pechino (dal 2013), e ha collaborato con diversi atenei cinesi, promuovendo gli scambi fra docenti e studenti e diversi progetti di ricerca congiunti. In generale le sue pubblicazioni (una ventina di libri - anche in cinese - e un centinaio di articoli in diverse lingue e su riviste e libri nazionali e internazionali) includono i temi accennati e le problematiche legate alla ricerca epistemologica e metodologica e all’antropologia applicata.

L’incontro è organizzato dal Contemporary Asia Research Centre (CARC) in collaborazione con il Dipartimento di Lingue, Letterature, Culture e Mediazioni dell’Università degli Studi di Milano e con l’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano. 

21 novembre 2022
Torna ad inizio pagina